Uno scienziato italiano fornisce una soluzione di adattamento al clima basata sul ‘potere della pasta’ per l’Africa occidentale

LONDRA, November 16, 2017

  • Una scoperta sul grano duro “resistente al calore” che potrebbe contribuire a sconfiggere la povertà  
  • Questa ricerca ha vinto il premio internazionale per la Sicurezza alimentare

Una “idea balzana” ha dato vita alla possibilità di coltivare grano duro nel caldo estremo di nazioni afflitte dalla carestia come Senegal, Mauritania e Mali[1], aumentando potenzialmente il reddito per 1 milione di famiglie di agricoltori, e quindi aggiudicandosi il Premio Olam 2017 per l'Innovazione nella Sicurezza alimentare.

Il progetto di ricerca sull'impronta genetica[2] condotto dal Dr. Filippo Bassi di ICARDA[3] e dal Professor Rodomiro Ortiz (SLU, Alnarp), e finanziato dal Consiglio per la ricerca svedese, ha utilizzato tecniche di riproduzione molecolare non-GM per sviluppare una serie di varietà di grano duro in grado di sopportare una temperatura costante di 35-40 gradi nella savana del bacino del fiume Senegal.

In questa regione, gli agricoltori coltivano riso per 8 mesi l'anno[4] e il terreno rimane improduttivo per i rimanenti 4 mesi. Le nuove varietà di grano duro sono quindi state messe a punto per crescere in tempi super-veloci[5] cosicché gli agricoltori possano coltivare il grano tra una stagione e l'altra del riso, con la possibilità di produrre 600.000 tonnellate di cibo in più, equivalente a 175 porzioni annue di pasta a persona nella regione, e realizzare un potenziale reddito aggiuntivo di ulteriori 210 dollari USA per i coltivatori.[6] Poiché il grano ha un contenuto proteico di cinque volte superiore a quello del riso, così come di vitamine e minerali, è anche un valido apporto per la loro dieta.

Attraverso la politica di ICARDA di condivisione gratuita di tutto il germoplasma e l'IP (conservazione dell'identità) con i paesi in via di sviluppo, la scoperta ha anche un vasto potenziale di adattamento per altre regioni colpite dall'aumento delle temperature. Questa eccezionale ricerca è stata quindi votata da una giuria di esperti come vincitrice del Premio Olam per l'Innovazione nella Sicurezza alimentare, un premio internazionale lanciato dalla società agricola mondiale in collaborazione con la Agropolis Fondation[7].

Il Dr. Bassi ha commentato, “Quando abbiamo avuto l'idea 5 anni fa, tutti pensavano che fossimo un po' matti, quindi siamo felicissimi di vedere che la nostra intuizione di introdurre il grano duro in questa regioni ci è valsa il Premio Olam. Desidero ringraziare in particolare i nostri partner che ci hanno sostenuto: U-Forsk2013, CNARAD, ISRA, Université Mohammed V, e SLU Sweden. Lavorando in stretta collaborazione con gli agricoltori, abbiamo conquistato la loro fiducia, in quanto hanno potuto toccare con mano i benefici di seminare questo cereale che può essere facilmente coltivato con un investimento minimo. Adesso dobbiamo creare un percorso verso il mercato, in modo da utilizzare il finanziamento del premio per stimolare la creazione di una partnership commerciale con l'industria nordafricana della pasta e del cuscus.”

Sunny Verghese, Co-fondatore e CEO del Gruppo ha dichiarato: “L'agricoltura mondiale sta affrontando gravi problemi con diversi milioni di persone affamate e un mondo che lotta per soddisfare la richiesta di aumento del fabbisogno calorico in tutto il mondo. Questa ricerca condotta dal Dr Bassi e dal suo team mostra come possiamo Ripensare l'Agricoltura attraverso un'idea ispirata e la dedizione di un team di persone accomunate da un obiettivo comune. Questa scoperta non solo crea una soluzione possibile e scalabile, che sarà potenzialmente in grado di migliorare le vite di molte persone nel bacino del Senegal, ma potrebbe anche essere di grande aiuto per altre regioni colpite dall'aumento delle temperature a fronte del cambiamento climatico.”

Dr. Pascal Kosuth, Direttore di Agropolis Fondation ha dichiarato: “La regione africana ha, mediamente, la più bassa produttività agricola del mondo; e molti paesi del continente si trovano a fronteggiare una maggiore richiesta di cibo con importazioni da oltreoceano. Lo sviluppo di una produzione agricola sostenibile in condizioni climatiche difficili e sistemi di coltivazione a conduzione familiare necessitano di uno sforzo integrato – dalla selezione delle piante e i sistemi di semina ai sistemi di produzione, per produrre una catena del valore e aumentare la presenza e la formazione degli agricoltori. Per questo motivo il panel indipendente di esperti internazionali riunito da Agropolis Fondation, ha selezionato all'unanimità il progetto ICARDA come vincitore dell'edizione di quest'anno del Premio Olam per l'Innovazione nella Sicurezza alimentare.”

Ulteriori informazioni:

  • Guarda l'animazione su questa rivoluzionaria ricerca
  • Scopri di più sul genetista vincitore leggendo le sue Domande e risposte
  • Guarda le immagini dei campi di grano duro nel Bacino del Senegal

Note per gli editori 

Selezione molecolare tradizionale rispetto a selezione GM 

L'obiettivo di entrambe le selezioni tradizionale e GM è quello di produrre raccolti con caratteristiche migliori modificandone la composizione genetica. La selezione GM realizza questo obiettivo aggiungendo uno o più nuovi geni al genoma della pianta. La selezione tradizionale realizza questo obiettivo impollinando tra loro piante con caratteristiche rilevanti, e selezionando i risultati con la combinazione desiderata delle caratteristiche, risultato di combinazioni particolari di geni ereditati dai due genitori. (Fonte: Royal Society)

Informazioni sul Premio Olam per l'Innovazione nella Sicurezza alimentare 

Il Premio Olam per l'Innovazione nella Sicurezza alimentare è stato lanciato nel 2014 in collaborazione con la Agropolis Fondation per riconoscere l'innovazione agricola e aiutare il progresso delle scienze agricole e lo sviluppo sostenibile attraverso la ricerca nell'ambito della sicurezza alimentare.

Aperto ai team di ricerca e ai singoli ricercatori in tutto il mondo, il riconoscimento premia la ricerca innovativa che offre un potenziale impatto significativo per i quattro ambiti della sicurezza alimentare: disponibilità (in quantità sufficiente), accessibilità (nel posto giusto), convenienza (per tutta la popolazione) e adeguatezza (per una dieta nutriente ed equilibrata). Il vincitore del premio Olam riceve un assegno senza vincoli di 50.000 dollari USA per approfondire la ricerca.

Nel 2015, il premio inaugurale è stato assegnato al SRI International Network and Resources Center (SRI-Rice) per il loro lavoro sul sistema di intensificazione del riso (System of Rice Intensification, SRI), un'innovazione rivoluzionaria che aumenta la produttività di risaie, conservazione dell'acqua, sussistenza, biodiversità, qualità dell'ambiente e resilienza delle coltivazioni agli stress climatici.

Informazioni su Olam International Limited 

Olam International è una società agricola di primo livello che opera lungo la catena del valore in 70 paesi, fornendo diversi prodotti attraverso 18 piattaforme a 23.000 clienti in tutto il mondo. Grazie ad un approvvigionamento diretto e una presenza di trasformazione in diversi tra i principali paesi produttori, Olam ha creato una posizione di leadership globale in diverse delle sue attività. Con sede a Singapore e quotata sul SGX-ST l'11 febbraio 2005, Olam attualmente figura tra le prime 30 maggiori società quotate a Singapore in termini di capitalizzazione di mercato. Nel 2016, la rivista Fortune ha riconosciuto ad Olam la posizione n. 23 nella sua classifica “'Change the World”. Maggiori informazioni su Olam sono disponibili su http://www.olamgroup.com.

Olam si trova in 7 Straits View, Marina One East Tower #20-01, Singapore 018936 Telefono: +65-63394100, Fax: +65-63399755.

Informazioni su Agropolis Fondation  

Agropolis Fondation è una fondazione scientifica francese istituita nel 2007 per promuovere e sostenere la ricerca di alto livello e l'istruzione superiore, oltre che per aumentare le collaborazioni di ricerca internazionali nelle sciente agrarie e nella ricerca per lo sviluppo sostenibile.

Supporta una rete di ricerca con scienziati che lavorano a tutti gli aspetti delle coltivazioni e affrontano questioni relative alle colture di domani per fronteggiare una domanda crescente di piante e prodotti derivati per scopi alimentari e non alimentari; la transizione agro-ecologica attraverso lo sviluppo di competenze affini, metodi e strumenti; approcci integrati della qualità dei prodotti agricoli e alimentari; la sostenibilità dei sistemi agricoli e alimentari; e l'interazione tra il cambiamento climatico e le coltivazioni.

Agropolis Fondation si trova in 1000, avenue Agropolis 34394 Montpellier Cedex 5 – Francia

Telefono: +33-4-67047574, Fax: + 33-4-67047543
http://www.agropolis-fondation.fr

Su ICARDA 

Fondata nel 1977, ICARDA è uno dei 15 centri sostenuti da CGIAR. La mission di ICARDA è il miglioramento delle condizioni di vita di coloro che sono privi di mezzi di sostentamento nelle regioni aride attraverso la ricerca e collaborazioni mirate a raggiungere aumenti sostenibili della produttività e del reddito agricoli, garantendo un utilizzo efficiente e più equo e la conservazione delle risorse naturali. http://www.icarda.org

References 

  1. Classificate rispettivamente al 67°, all'83° e al 94° posto del Global Hunger Index, 2017
  2. La scoperta delle regioni intergeniche – una parte di DNA che contiene la sequenza di uno o più geni importanti
  3. La mission di ICARDA (il Centro internazionale per la ricerca nelle regioni aride) è quella di migliorare le condizioni di vita di chi è privo di mezzi di sostentamento nelle regioni aride attraverso la ricerca e la creazione di partnership dedicate al raggiungimento di aumenti sostenibili della produttività agricola e del reddito
  4. Il riso non cresce bene nei mesi invernali, quando di giorno si raggiungono 35-40 °C, ma di notte la temperatura scende a soli 16 °C
  5. Con un rendimento potenziale di oltre tre tonnellate per ettaro in soli 90 giorni
  6. Il reddito famigliare medio in Senegal generato dalla coltivazione nel 2011 ammontava a 646.500 franchi CFA – al 15/11/17, un valore pari a 1167,12 dollari USA (Fonte: International Food Policy Research Institute [http://www.ifpri.org/publication/economic-accounts-agriculture-and-farm-income-senegal ])
  7. Il valore del premio è di 50.000 USD$

Per ulteriori informazioni, contattare:
Olam Corporate Communications
Nikki Barber, Responsabile PR del Gruppo, [email protected]
Emma Blinkhorn, Responsabile PR, [email protected]
+44(0)207-484-8994

FONTE Olam International

Powered by WPeMatico

You might like

About the Author: Carrie Brunner

Carrie Brunner grew up in a small town in northern New Brunswick. She studied chemistry in college, graduated, and married her husband one month later. They were then blessed with two baby boys within the first four years of marriage. Having babies gave their family a desire to return to the old paths – to nourish their family with traditional, homegrown foods; rid their home of toxic chemicals and petroleum products; and give their boys a chance to know a simple, sustainable way of life. They are currently building a homestead from scratch on two little acres in central Texas. There’s a lot to be done to become somewhat self-sufficient, but they are debt-free and get to spend their days living this simple, good life together with their five young children. Carrie writes mostly on provincial stories.
%d bloggers like this: